Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Storia

 

Storia

L’Istituto Italiano di Cultura è stato fondato nel 1976 ed è stato ospite del Consolato Generale d'Italia a Toronto (136 Beverley St.) fino al 1982, anno in cui è stato trasferito nella sede attuale. L’edificio è stato costruito nel 1897 dalla ditta di architetti Strichland & Simons in stile regina Anna con alcuni elementi palladiani.

La palazzina, di proprietà del governo italiano, è stata ristrutturata nel 1979 dall’architetto Paul Martel, mentre la galleria è stata successivamente modificata nel 1992 dagli architetti Francesco e Aldo Piccaluga in occasione di una mostra di Ettore Sottsass.

Nel 2001 è stata aperta una nuova sede a Woodbridge, nell’area metropolitana di Toronto, per ospitare i corsi di lingua italiana.

I direttori che si sono alternati presso l’IIC di Toronto sono:


• Alessandro Ruggera 2015 -    (Addetto Reggente)
• Adriana Frisenna 2008- 2014 (Addetto Reggente) 
• Martin Stiglio 2005 – 2010
• Carlo Coen 1998 – 2005
• Francesca Valente 1993 – 1998
• Martin Sitglio 1991 – 1993 (vice direttore)
• Francesca Valente 1985 – 1991
• Giancarlo Boccotti 1982 – 1985
• Giovanni d’Alba 1976 - 1981

Nel campo del balletto e del teatro l’Istituto ha ospitato, tra gli altri, l’Aterballetto, il Piccolo Teatro di Milano, Vittorio Gassman e Franca Rame. Giorgio Strehler è stato il primo artista italiano ad essere insignito di una laurea honoris causa dalla University of Toronto. Tra gli ospiti più recenti, ricordiamo Mario Maranzana, Ugo Pagliai, Paola Gassman e Gian Antonio Stella.

Nel settore della musica si sono organizzati concerti e/o seminari di solisti e complessi musicali di fama mondiale quali Salvatore Accardo, Uto Ughi, Luciano Berio, Sylvano Bussotti, Giorgio Gaslini, Cecilia Gasdia, Renata Scotto, I Musici, I Solisti Veneti, Il Giardino Armonico, I solisti della Scala Trio, Paolo Olmi, Michelangelo Carbonara, Roberto Occhipinti, Roberto Prosseda, Mario Bernardi, La Scala Philharmonic, Duo Alterno, Ada Gentile e la Premiata Forneria Marconi.

La letteratura contemporanea ha visto la presenza, tra gli altri, di Giorgio Bassani, Umberto Eco, Carlo Feltrinelli, Franco Fortini, Gina Lagorio, Mario Luzi, Luigi Malerba, Claudio Magris, Dacia Maraini, Alberto Moravia, Pia Pera, Edoardo Sanguineti, Fulvio Tomizza, Sandro Veronesi e Paolo Volponi, Beppe Severgnini, Gianrico Carofiglio, Alessandro Piperno, Gian Antonio Stella, Claudio Angelini, Roberto Saviano, Nino Ricci, Valerio Massimo Manfredi e Andrea De Carlo. Tra i filosofi venuti a Toronto, grazie all’Istituto, dobbiamo ricordare Renato Bodei e Gianni Vattimo.

Nel settore del cinema si sono organizzate retrospettive dei maggiori registi ed attori italiani come Federico Fellini, Totò, Alberto Sordi, Vittorio De Sica, Roberto Rossellini, Michelangelo Antonioni, Bruno Bozzetto, Luchino Visconti, Marcello Mastroianni, Anna Magnani, Lina Wertmüller. L’Istituto ha collaborato in maniera attiva con AP, Film Italia (Cinecittà Holding) e con l’Istituto del Commercio Estero a varie iniziative volte a sottolineare la presenza del nostro cinema nelle sale canadesi, curando anche la partecipazione italiana al Toronto International Film Festival. L’Istituto ha promosso come evento estivo il cinema all’aperto presso il cortile del Consolato Italiano di Toronto.

Nel settore architettura e design, sono state presentate mostre e/o conferenze di Gae Aulenti, Mario Botta, Piero Fornasetti, Gruau, Renzo Piano, Paolo Portoghesi, Tobia Scarpa, Aldo Rossi, Ettore Sottsass, Massimo Vignelli e Alberto Meda. Di grande importanza sono state le mostre di architetti futuristi quali Antonio Sant’Elia e Giovanni Battista Piranesi. Le mostre di Domus, di Roma XX: la lezione di Roma, quelle dei mobili di Carlo Bugatti e del vetro veneziano hanno segnato importanti tappe in questa area. Per il restauro, un convegno presso l’Art Gallery of Ontario ha visto la partecipazione di Pinin Brambilla Barcilon (Cenacolo L’Ultima Cena di Leonardo Da Vinci), Gianluigi Colalucci (Cappella Sistina), Giorgio Croci (Basilica di San Francesco d’Assisi) e Giuseppe Giunta (facciata di San Pietro).

Nella fotografia, l’Istituto ha sponsorizzato eventi di famosi fotografi italiani del calibro di Massimo Vitali, Manuela Martines, Franco Fontana e Raffaela Mariniello. Italia 1946 – 2006: dalla ricostruzione al nuovo millennio è stata concepita come una mostra fotografica che copre l’intero periodo storico in esame, dalle prime espressioni della riconquistata libertà nel 1946 al desiderio degli italiani di ricostruire una vita normale dopo la distruzione della seconda guerra mondiale.

Nel campo delle arti visive la grande tradizione artistica italiana è stata testimoniata da numerosissime mostre, da Leonardo Da Vinci a Mimmo Paladino, da Giambattista Piazzetta a Lucio Fontana, da Giovanni Battista Piranesi a Marino Marini, da Gilberto Zorio a Emanuele Luzzati, da Francesco Clemente a Arnaldo Pomodoro, da Ottorino Mancioli a Giuseppe Zigaina, da Emilio Vedova a Francesco Vezzoli, da Gianni Tarli a Sabrina Landini e da Paolo Tesi a Guido Moretti. Nel 2004-2005 l’Art Gallery of Ontario ha presentato la prima retrospettiva canadese di Amedeo Modigliani. In occasione della Notte Bianca promossa dalla Scotia Bank, il direttore Martin Stiglio ha coordinato l’organizzazione di Euronight a partire dal 2006. Un evento che vede la partecipazione dei paesi europei che promuovono il vibrante panorama culturale europeo della video arte.

Nel 1995, in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia ad Ottawa, si è inaugurato un programma dedicato in particolare alle scienze con conferenze di Renato Dulbecco, Premio Nobel per la Medicina, di Ugo Amaldi, direttore del CERN di Ginevra, e nel 2003 Lamberto Maffei, vicepresidente della prestigiosa Accademia dei Lincei ha presenziato presso l’Istituto il 400esimo anniversario dell’Accademia. Tra gli ospiti più recenti, ricordiamo il Dott. Duccio Macchetto e il Prof. Francesco Paresce Marconi in occasione dell’anniversario di Galileo Galilei e Guglielmo Marconi.

Sempre nel 2003, nell’ambito delle celebrazioni per il Semestre della presidenza italiana all’Unione europea, l’Istituto ha organizzato un convegno con la partecipazione, tra gli altri, di Giuseppe Schiavone, Presidente dell’Istituto di Studi Europei Alcide De Gasperi di Roma, unitamente ad un concerto del Polimnia Ensemble.

Nel settore lingua l’Istituto, oltre ad offrire corsi di lingua e cultura a vari livelli presso la propria sede e, a partire dal gennaio 2001, anche nella zona di Vaughan, ha attivamente promosso la “Settimana della lingua italiana nel mondo”, un evento che si è svolto in tutto il mondo.

PARTNERSHIP LOCALI CON ISTITUZIONI CULTURALI E MUSEI
Royal Ontario Museum (ROM), Art Gallery of Ontario (AGO), Bata Shoe Museum, Gardiner Museum of Ceramic Art, Textile Museum of Canada, Power Plant, Toronto Downtown Jazz Festival, soundaXis, Organix, Contact Photography Festival, Artcore Gallery, Accademia Italiana della Cucina, Harbourfront Centre, Associazione L’Altra Italia, Federazione Italiana Cuochi, Centro Scuola di Cultura Italiana.

ISTITUZIONI TEATRALI E CINEMATOGRAFICHE
Cinematheque Ontario, Toronto International Film Festival, Hot Docs Toronto International Documentary Festival, Jewish Film festival, Gay & Lesbian Film Festival, Toronto Italia Film Festival.

ISTITUZIONI MUSICALI
Faculty of Music, Royal Conservatory of Music, Toronto Symphony Orchestra, Canadian Opera Company, Tafelmusik Baroque Orchestra & Chamber Choir, Off Centre Music Salon.

UNIVERSITÀ
U of T: Faculty of Music, Department of Italian Studies, Monk Center for International Studies; University of Guelph, Western University, Waterloo University, Queens University, York University, Mariano Elia Chair (York University), University of Western Ontario.

ARCHITETTURA E DESIGN
Cambridge University Galleries, Design Exchange.

MASS MEDIA
OMNI Television, Telelatino, Chin Radio, Lo Specchio, Corriere Canadese, Radio Uno, Globe and Mail, Toronto Star.



35