Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

IL PIANISTA ITALIANO LUCA BURATTO IN CONCERTO ALL’ISTITUTO

Data:

20/09/2019


IL PIANISTA ITALIANO LUCA BURATTO IN CONCERTO ALL’ISTITUTO

L'Istituto Italiano di Cultura e Remenyi sono lieti di presentare il pianista italiano Luca Buratto in concerto

SETTEMBRE 20, 13.00 | 496 Huron Street

Evento gratuito su PRENOTAZIONE

"Luca Buratto lunchtime concert" ... una produzione congiunta della Remenyi House of Music e dell'Istituto Italiano di Cultura di Toronto, venerdì 20 settembre 2019.

Se non sei riuscito a partecipare all’evento “Lifting the Lid” di Remenyi o al concerto di Luciano Bellini al Columbus Center, ti diamo l'opportunità di vedere qualcosa di meraviglioso all'Istituto Italiano. Sfateremo il mito secondo cui un pianoforte sotto 5’7” non può avere un buon tono, Remenyi porterà un Fazioli F-156 il piano 5' più potente del mondo nella galleria dell’Istituto a 496 Huron Street, dove il famoso pianista Luca Buratto eseguirà una selezione dei suoi pezzi preferiti:

Bartok: Improvisations op. 20

Ravel: Tombeau de Couperin

Schumann: Symphonic Etudes op. 13

Durante l’esibizione, Luca parlerà delle ragioni per le quail ha deciso di selezionare questi brani, spiegando anche la sua tecnica e le scelte musicali che sta facendo durante il concerto, dandoti una visione unica nella mente di un pianista di alto livello.

Spunti di riflessione durante la pausa pranzo o nel corso di un pomeriggio di svago in cui il catering sarà messo a disposizione dall’Istituto Italiano di Cultura di Toronto.

BIOGRAFIA: http://www.lucaburattopiano.com/

Dopo il debutto alla Wigmore Hall di Londra dello scorso gennaio, il Guardian ha scritto di Luca Buratto, vincitore del premio Honens: "Grazioso, analitico, meticoloso, Buratto è un nome da tenere d'occhio", mentre il Telegraph ha scritto: "Un trionfo".

Oltre al suo successo alla Honens Piano Competition di Calgary, in Canada, Buratto si è classificato terzo al Concorso Internazionale Robert Schumann (Zwickau) e il premio speciale 'MDR', assegnato dal pubblico nel 2012. Si è ispirato al malcontento della tennista italiana Roberta Vinci nei confronti di Serena Williams agli US Open, giusto poche ore prima della vittoria all’Honens. "Ci sono molte somiglianze tra le menti dei tennisti e dei pianisti", dice, riferendosi al romanzo epico di David Foster Wallace, Infinite Jest.

Ha debuttato nel 2003 suonando la musica del suo bisnonno, Renzo Massarani. I suoi prossimi impegni in orchestra includono il Teatro alla Scala di Milano con l'Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi, la London Philharmonic Orchestra, la Toronto Symphony, la Calgary Philharmonic, la Edmonton Symphony e la Symphony Nova Scotia. Nel 2016 Buratto si è esibito per il Progetto Martha Argerich al Festival di Lugano (Svizzera), all'International Chamber Music Festival di Ottawa (Canada), al Busoni Festival (Italia) ed è stato artista residente al Marlboro Music Festival (USA). Quest'estate ritorna al Marlboro Music e agli Ottawa International Chamber Music Festivals e, a ottobre, fa il suo debutto alla Carnegie Hall.

Buratto è stato presente in trasmissioni radiofoniche nazionali su BBC Radio 3, CBC Radio 2, Radio Classica, Radio 3 RAI, WFMT e WQXR. Una registrazione dal vivo delle sue esibizioni al concorso Honens del 2015 è disponibile sull'etichetta Honens. La sua registrazione in studio di debutto di opere di Schumann sarà pubblicata sull'etichetta Hyperion ad aprile 2017 e sarà la "registrazione del mese" per maggio.

Dopo aver completato gli studi al Conservatorio di Milano, nel 2010, sotto la guida di Edda Ponti, ha studiato per 4 anni nello studio di Davide Cabassi. Allo stesso tempo, come "Theo Lieven Scholar", ha conseguito il suo Master of Advanced Studies presso il Conservatorio della Svizzera Italiana, a Lugano, sotto la guida di William Grant Naborè.

L'affinità di Buratto con la musica di Robert Schumann è bilanciata dalla sua curiosità per le opere di compositori di oggi come Thomas Adès. Ama i puzzle e il tennis da tavolo e ha un interesse per la fisica e la letteratura postmoderna americana. Buratto vive a Milano.

Informazioni

Data: Ven 20 Set 2019

Orario: Dalle 13:00 alle 14:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura

In collaborazione con : Remenyi, Fazioli Pianoforti

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura | 496 Huron Street

Autore:

LUCA BURATTO

2047